Come garantire una migrazione efficace al Cloud

By on
 

La pandemia da Covid-19 ha generato un cambiamento culturale senza precedenti nell’utilizzo del Cloud in Italia.

Dai dati dell’Osservatorio Cloud Transformation del Politecnico di Milano, giunto alla sua undicesima edizione nel 2021, emerge che la quota di parco applicativo gestita in Cloud, pubblico o privato, sia ormai vicina a quella on-premises, preannunciando un futuro sorpasso.

Report Cloud Transformation Osservatorio Polimi

Sicuramente ha contribuito a questa crescita anche il PNRR che pone al centro la trasformazione digitale e il Cloud come mezzo principale per raggiungerla. Tuttavia, non bisogna dimenticare che la strada della cloud adoption è lunga e deve essere studiata in maniera strategica prima di essere intrapresa.

Cosa vuol dire migrare in cloud e cosa serve per essere certi che la Road Map evolutiva verso la "nuvola" funzioni davvero? Le aziende possono essere più o meno pronte a questo passo. Pertanto, è di particolare importanza la strategia intrapresa dalle aziende per migrare in cloud.

Infatti, quando le decisioni su quali applicazioni migrare vengono prese utilizzando l'istinto e informazioni soggettive che causano roadblock inaspettati, le migrazioni richiedono anni per essere completate. E se un'organizzazione decide di investire del tempo per analizzare veramente la prontezza dell'applicazione per la migrazione al PaaS, a un architetto potrebbero essere necessarie settimane o addirittura mesi per valutare ogni singola applicazione.

CAST Highlight può valutare la prontezza al cloud di centinaia di applicazioni in pochi giorni, utilizzando dati oggettivi che ne garantiscono l'accuratezza.

Le organizzazioni possono segmentare rapidamente e dare priorità alle applicazioni utilizzando il Cloud Ready Index** in base a pattern specifici trovati automaticamente nel codice sorgente dell'applicazione che potrebbero impedire (Blocker) o accelerare (Booster) la migrazione al cloud.

Cloud Readiness e Busines Impact

CAST Highlight identifica automaticamente le applicazioni che richiedono meno lavoro per essere modernizzate per il cloud e che possono essere migrate prima per acquisire sicurezza e credibilità. Utilizza dati tecnici oggettivi provenienti direttamente dall'analisi del codice sorgente per garantire l'accuratezza.

Identifica automaticamente i Blocker (ad esempio, utilizzo persistente di file, componenti COM, ecc.) e i Booster (ad esempio, utilizzo di un file di configurazione web, MySQL, ecc.). Fornisce indicazioni precise sulla posizione esatta di ciascun Blocker all'interno del codice di ogni applicazione. Boosters and Blockers

E permette di visualizzare automaticamente le dipendenze tra le applicazioni per scoprire i collegamenti che potrebbero interrompersi durante una migrazione evitando problemi di migrazione prima che questa avvenga.Application lines

Oltre alla valutazione della Cloud Readiness, il passaggio successivo fornito da CAST Highlight consiste nel consigliare servizi PaaS specifici (AWS, Azure e IBM Cloud) sia a livello di portfolio che di applicazione.

CAST Highlight utilizza queste tipologie di informazioni per creare consigli sui servizi cloud:

Technology inventory: in base alle diverse tecnologie rilevate durante la scansione, possono essere consigliati alcuni servizi Cloud. Ad esempio, se un'applicazione è composta da oltre 10.000 righe di codice di script SHELL o Python, potrebbe sfruttare i servizi Batch basati su cloud come Azure Batch, AWS Batch o IBM Workload Automation. Un altro esempio potrebbe essere un'applicazione composta principalmente da Java, che è un buon candidato per essere eseguita come container e consumare alcune istanze Amazon ECS (Elastic Container Service) o IBM Cloud Virtual Server for VPC.

CloudReady patterns: le centinaia di pattern, blocker e booster cloud vengono utilizzati anche per identificare i servizi cloud idonei. Ad esempio, se CAST Highlight ha rilevato durante la scansione del codice che un'applicazione si basa su un database PostgreSQL (un booster CloudReady), può adottare un'istanza Amazon RDS o un database di Azure per l'esecuzione di PostgreSQL. Al contrario, quando viene visualizzato un blocco del cloud, ad esempio manipolazioni dirette di file nel codice, potrebbe sfruttare servizi di archiviazione basati su cloud come Azure Storage, Amazon S3 o IBM Cloud Object Storage.

Componenti Open Source: utilizzando le funzionalità di composizione del software in CAST Highlight, alcuni componenti OSS/di terze parti rilevati sono correlati a possibili consigli sui servizi cloud. Ad esempio, Amazon EMR o Azure HDInsight possono essere adottati quando CAST Highlight rileva le dipendenze Hadoop, Spark o HBase in un'applicazione scansionata.

Risposte alle survey: a complemento delle caratteristiche tecniche rilevate automaticamente dalla scansione del codice, CAST Highlight utilizza specifiche risposte alle survey per stabilire o valutare l'idoneità dei servizi cloud. Ad esempio, se l'azienda ha una strategia container indicata in una risposta al questionario, CAST Highlight consiglierà Azure Kubernetes Service (AKS) o Amazon Elastic Container Service (ECS) rispetto ad altre opzioni.

 
Custom social sharing